Serie C – 2^ giornata - - PLAYASTI ASD

Vai ai contenuti

Menu principale:

Serie C – 2^ giornata

Pubblicato da in News ·
Dedalus – Piemonte Playasti: Caretto C. 3 (capitano), Prandi B. 1, Graziano G. 2, Molino S. 4, Fasano F. 5, Debilio C. 6,  Brignolo C. 7, Centofanti G. 9, Centofanti L. 11 (libero), Ivaldi G. 12, Sodano B. 13, Ghiazza L. 15 (libero), Fasano A. 18.

Indisponibile: nessuno

1° allenatore: Balzo C.

2° allenatori: Calati A.

Seconda giornata, il Playasti gioca ad Alba una partita difficile contro una delle formazioni più accreditate di questa serie C. Questa partita di inizio stagione ci dirà quale sarà il livello dal quale la squadra di Balzo parte e se la matricola Playasti dovrà vivere una stagione di sofferenza per cercare di mantenere la serie o se potrà avere ambizioni diverse.

Coach Balzo, dopo aver risolto le pratiche infortuni, mette in campo quella che si avvicina molto ad una formazione ideale, anche se la rosa a disposizione dello staff tecnico darà comunque sempre tanti dubbi sulle scelte dell’allenatore. Si comincia con  Ivaldi  in regia, Fasano F. opposto, Caretto e Debilio attaccanti di palla alta, Sodano e Molino centrali e Centofanti L. libero.

Il primo set vede un inizio incerto delle ospiti con tanti errori in battuta ed una ricezione poco precisa, complice l’efficacia al servizio delle albesi. Da subito si intravede una buona predisposizione a fare bene del capitano Caretto. Con il passare dei punti cresce la prestazione di squadra delle ragazze di Balzo, con miglioramento della fase difensiva ma soprattutto con l’aumento delle opzioni di attacco che per tre quarti del set sono state vincolate alla straripante potenza del nostro S1 Caretto. Nonostante una prestazione discreta, comunque in crescita con il passare dei minuti, il set si conclude a favore delle padroni di casa.

Il secondo set vede da subito Caretto e compagne gestire l’incontro con più consapevolezza della propria forza e agli attacchi sempre decisivi del capitano si associano I tanti punti di Debilio, dei centrali  Sodano e Molino e dell’opposto Fasano. L’Alba sembra patire la varietà del gioco della squadra ospite e subisce più del dovuto la battuta tattica delle astigiane non potendo così innescare la loro arma migliore, cioè l’attacco dei centrali. Il set vede un dominio straripante delle ospiti che chiudono lasciando alle avversarie solo 13 punti a referto.

L’Alba serra I ranghi e scende in campo per il terzo set con il piglio di chi si sente più forte. Le battute sono efficaci e fanno male alla ricezione delle astigiane che non riescono a mantenere il gioco fluido del secondo set. Il parziale è a favore delle padrone di casa con un vantaggio, che pur ad elastico, oscilla, tra I 6 ed I 2 punti di vantaggio per tutto il set fino a chiudere 25 a 21.

Il quarto set è una partita a parte, una volta è su L’Alba, una volta Playasti. Balzo cambia il libero con l’ingresso in campo di Lucia Ghiazza. Il gioco è bello ed è da serie C. Il playasti trova il massimo vantaggio nel momento apparentemente decisivo sul 16/20 facendo pregustare un tiratissimo tiebreak. Un errore in battuta ed un punto lungo, con numerose rigiocate che si conclude a favore dell’Alba, porta il punteggio sul 20 a 22. Va in battuta il talentuoso giovanissimo opposto di casa e trova un filotto di battute che mandano in confusione la ricezione ospite. Alcune occasioni sprecate in attacco e la capacità di non mollare mai della difesa di casa portano all’epilogo della partita con la vittoria delle albesi.

Se, da questa partita, si cercava la vittoria,  sicuramente non è arrivata, ma se si cercavano risposte, queste sono sicuramente positive. Pur se matricola, il Playasti potrà giocare alla pari con tutte le squadre più forti del girone, anche se, per vincere, dovrà probabilmente dimostrare un po’ più di consapevolezza e di fiducia nelle proprie capacità, dovrà mantenere alto lo spirito di gruppo e dovrà lavorare ancora di più in allenamento per trovare gli automatismi nei momenti topici delle partite.

La strada è lunga, ma il percorso è segnato, molto dipenderà dalla volontà di andare tutti insieme.






Cerca
Torna ai contenuti | Torna al menu